Heinz Grill

Breve ritratto

Heinz Grill è nato nel 1960 a Soyen, vicino a Wasserburg sull’Inn (D). Ha iniziato l’arrampicata su roccia da adolescente e presto è diventato un noto alpinista, soprattutto grazie alle sue numerose salite in solitudine delle vie principali nelle Alpi. Il suo obiettivo non era tanto quello di impressionare con grandi risultati, ma di agire secondo un principio cosmico:

La leggerezza favorisce i movimenti ritmici tra gli arti e la roccia. Il suo ideale era “essere più leggero in cammino”, cioè senza corde e attrezzature appesantite, perché questo rende più facile raggiungere una vicinanza sensibile alla roccia, alla montagna e all’elemento aria. Il ritmo fluido di arrampicata che si è sviluppato da questo ideale ha dato una sicurezza straordinaria ai suoi movimenti.
Dallo studio dei principi cosmici, Heinz Grill sviluppò grandi ideali filosofici, che pubblicò in un’ampia opera letteraria e filosofica. Il tema centrale è la sintesi pratica tra il mondo cosmico e quello terrestre, che ha elaborato dapprima nel campo degli esercizi yoga come arte estetica del movimento. Con l’idea di sintesi ha fatto ricerche intense anche nel campo della medicina, dell’educazione, della nutrizione, dell’architettura, della guarigione in generale, della creazione artistica e della meditazione. In molti anni di ricerca, è emerso un percorso di formazione concreto e comprensibile.

In tutte le sue presentazioni, Heinz Grill dà particolare importanza alla descrizione e alla denominazione dei concetti, dei contenuti e delle esperienze in maniera più concreta possibile, in modo che siano comprensibili per tutti e possano essere afferrati attraverso il pensiero dall’Io dell’essere umano. Questo vale particolarmente per quanto riguarda i contesti spirituali e scientifico-spirituali, per far sì che possano essere realizzati nella vita quotidiana. Per Heinz Grill, una sintesi riuscita tra spirito e mondo si esprime nel fatto che alti ideali filosofici prendono vita nelle persone e favoriscono la loro competenza sociale.

Tutta l’attività d’insegnamento di Heinz Grill ha un carattere curativo e tuttavia sarebbe in contraddizione con la sua comprensione se si pensasse che solo lui, come “grande” maestro, sia in grado di eseguire gli esercizi in modo così dinamico, leggero e con un’espressione sensibile per l’anima. Sottolinea spesso che con un tale pensiero l’individuo si escluderebbe dalle proprie possibilità di sviluppo, perché anche lui non è caduto dal cielo con capacità extrasensoriali, ma ha acquisito queste capacità attraverso un confronto e una ricerca intensi. Una sintesi tra il mondo cosmico-spirituale e quello terrestre non è quindi possibile solo per persone particolari, ma per tutti coloro che hanno il desiderio di accettare il livello animico-spirituale della vita come parte reale della vita quotidiana e di realizzare gli ideali del mondo spirituale.